SEX ADDICTION 

Dipendenza da sesso

Quando il bisogno di sesso diventa una ossessione, al punto da interferire con la vita sociale e lavorativa dell’ individuo, quando la maggior parte del tempo viene spesa a pensare e a ricercare attività sessuali arrivando a mettere in crisi i rapporti di coppia, quando il sesso diviene l’elemento centrale della propria esistenza, allora ci troviamo di fronte alla dipendenza da sesso (sex addiction).

Un rapporto patologico con il sesso affligge circa il 6% della popolazione. Nei casi più gravi, il soggetto arriva anche commettere reati sessuali in quanto l’ altro viene vissuto esclusivamente come un oggetto capace di soddisfare il bisogno sessuale. Tra i sintomi della sex addiction si ritrovano masturbazione compulsiva, necessità di rapporti sessuali continui, esibizionismo, acquisto di materiale pornografico, utilizzo di chat-line e telefoni erotici. Questa patologia comporta disagi familiari (il soggetto spesso si allontana dalla propria famiglia per il senso di vergogna), conseguenze in termini di salute (rischio di contrarre malattie veneree e possibili disfunzioni sessuali) e problemi economici (difficoltà a mantenere un lavoro per la concentrazione rivolta quasi esclusivamente su contenuti sessuali, spese ingenti in telefonate erotiche e materiale pornografico).

Le cause della dipendenza da sesso si possono ricercare nel bisogno di rafforzare la propria autostima, migliorando, attraverso le conquiste sessuali, l’ immagine che abbiamo di noi stessi. I rapporti personali non vengono affatto curati; ciò che conta, infatti, è il numero di prestazioni avute. Inoltre il sesso funge da strumento, al pari delle sostanze di abuso, per allontanare dalla coscienza i motivi alla base del disagio interiore: proprio per questo, oltre a processi di minimizzazione tipici dei soggetti dipendenti ed al timore della stigmatizzazione, pochi individui con tali quadri patologici riconoscono di avere un problema, perché non è facile tracciare una netta linea di confine tra forte desiderio sessuale e dipendenza. Ma anche nel momento in cui i soggetti con sex addiction acquisiscono una consapevolezza di malattia, spesso sono inibiti dalla vergogna nel rivelare i propri pensieri e comportamenti legati alla sfera sessuale.

Per quanto riguarda la cura, le percentuali di successo ed i tempi necessari dipendono dalla motivazione del soggetto al trattamento, dalla gravità della dipendenza, in termini di tempo e pervasività e dal sostegno della rete familiare e sociale che deve appoggiare anziché stigmatizzare l’ individuo. Tra le strategie più efficaci, c’è sicuramente la mindfulness che può aiutare il soggetto a frenare gli impulsi, concentrandosi sulla conoscenza di sé e sui bisogni che la ricerca incessante di sesso va a colmare, ingrandendo il problema anziché risolverlo

Margherita Lazzerini

I commenti sono chiusi.